Tag, , , , ,

Legge di Bilancio 2022, ecco le misure previste

La legge di Bilancio 2022 (Legge n. 234 del 30/12/2021, pubblicata in GU il 31/12/2021) prevede le seguenti misure in materia di agevolazioni edilizie:

  • Bonus ristrutturazioni, ecobonus, sismabonus; proroga generalizzata delle detrazioni.
  • Bonus facciate; confermato fino al 31/12/2022 ma con una riduzione dell’aliquota di detrazione dal 90% al 60% per le spese sostenute dal 01/01/2022 (comma 39).
  • Bonus mobili, confermato in vigore fino al 2024 ma con differenti tetti di spesa ammissibile: limite a 10.000 euro per spese sostenute tra il 01/01/2022 e il 31/12/2022, poi ridotto a 5.000 euro per gli anni 2023 e 2024 (comma 37).
  • Bonus verde proroga fino al 2024 dell’agevolazione fiscale inerente la sistemazione a verde di aree scoperte di immobili privati a uso abitativo. L’agevolazione consiste nella detrazione dall’imposta lorda del 36% della spesa sostenuta, nel limite di spesa di 5.000 euro annui, quindi entro la somma massima detraibile di 1.800 euro.
  • Nuovo Bonus eliminazione barriere architettoniche: si introduce una nuova detrazione al 75% per le spese sostenute per abbattere barriere architettoniche, a cui è applicabile l’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura (comma 42).
  • Sconto in fattura o cessione del credito: differenti proroghe, delle possibilità alternative alla detrazione fiscale diretta, secondo i tipi d’intervento:
    • interventi in materia edilizia ed energetica, proroga anni 2022, 2023 e 2024
    • interventi con superbonus, proroga al 31/12/2025.
  • Superbonus 110%. Proroghe differenziate secondo criteri oggettivi e soggettivi:
    • per i condomini, per le persone fisiche (al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione), per le onlus, per le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale, è prevista una proroga con progressiva variazione di aliquota e scadenza temporale:
      • detrazione 110% per le spese sostenute fino al 31/12/2023;
      • detrazione 70% per le spese sostenute nel 2024;
      • detrazione 65% per le spese sostenute nel 2025.
    • per IACP ed anche per cooperative di abitazione a proprietà indivisa è prorogata la:
      • detrazione 110% per le spese sostenute fino al 31/12/2023 qualora siano realizzati i lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo al 30/06/2023.
    • Per edifici unifamiliari e unità immobiliari funzionalmente indipendenti, interventi effettuati dalle persone fisiche; proroga prevista:
      • detrazione 110% per le spese sostenute entro il 31/12/2022 se al 30/06/2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.
  • Superbonus 110% per ricostruzione post sisma. Nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici dal 01/04/2009 è prorogata la detrazione al 110% per le spese sostenute entro il 31/12/2025 (comma 28).
  • Interventi trainati; Con una norma introdotta al Senato si chiarisce che le proroghe si applicano anche per la realizzazione degli interventi trainati.
  • Altre modifiche rispetto al DDL; In fase di approvazione sono stati eliminati dei punti presenti nel disegno di legge: eliminati i termini proposti per l’applicazione del 110% all’installazione di fotovoltaico (31/12/2021) e per infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici (30 giugno 2022); eliminato il vincolo che riconosceva la proroga al 31/12/2022 solo se già presentata la pratica edilizia; inoltre eliminate limitazioni con riferimento agli indici ISEE.
  • Decreto antifrodi e legge di bilancio 2022; le misure del DL.157/2021 (decreto antifrodi) sono confluite nel testo della Legge di bilancio 2022; si tratta in particolare di misure riferite al visto di conformità e alla congruità dei prezzi riassunte qui di seguito.
    • Estensione obbligo di visto di conformità; è esteso l’obbligo anche al caso in cui il Superbonus sia utilizzato in detrazione diretta; escluso il caso in cui la dichiarazione sia presentata direttamente dal contribuente attraverso la dichiarazione precompilata dall’Agenzia delle Entrate oppure tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale.
    • Visto di conformità anche per altri bonus. Il recepito DL.157/2021 introduce l’obbligo del visto di conformità anche in caso di opzione per cessione del credito o sconto in fattura delle detrazioni per lavori edilizi diversi da quelli ricadenti nel Superbonus 110%.
    • ESCLUSO l’obbligo del visto di conformità (ovvero non applicabile il decreto antifrodi) per le opere di edilizia libera e per gli interventi di importo complessivo non superiore a 10.000 euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio, fatta eccezione per gli interventi relativi al cd. bonus facciate (comma 29).
    • Asseverazione della congruità di prezzi per altri bonus; si introduce l’obbligo di asseverazione di un tecnico della congruità di prezzi anche in caso di opzione per cessione del credito o sconto in fattura delle detrazioni per lavori edilizi diversi da quelli ricadenti nel Superbonus 110%.
    • Prezziari di riferimento; Il recepito DL.157/2021 dispone che per stabilire la congruità dei prezzi (da asseverarsi da un tecnico abilitato) occorrerà fare riferimento anche ai valori massimi stabiliti da un futuro decreto del MITE (Ministro della transizione ecologica). Questo provvedimento potrà ritoccare il limite di alcuni costi di alcuni beni e verrà emanato entro il 9 febbraio 2022.

Ecco uno schema di riepilogo:

incentivoaliquotaTipo fabbricatodata
Superbonus110%Fabbricati unifamiliari u.i. indipendenti proroga se al 30/06/22 almeno 30% dei lavori eseguiti31-12-2022
Superbonus110%IACPCooperative di abitazione proroga se al 30/06/23 almeno 60% dei costi sostenuti31-12-2023
Superbonus110%Condomìni edifici 2-4u.i. con unico proprietario Onlus, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale31-12-2023
Superbonus70%Condomìni edifici 2-4u.i. con unico proprietario Onlus, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale31-12-2024
Superbonus65%Condomìni edifici 2-4u.i. con unico proprietario Onlus, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale31-12-2025
Ecobonus50-65%Proroga ad esclusione delle aliquote maggiorate 70-75% (maggiorazioni per lavori su parti condominiali)31-12-2024
Bonus ristrutturazioni50%Proroga aliquota 50%31-12-2024
Sismabonus Proroga anche per le aliquote maggiorate al 70 e 80% per miglioramento sisma 1-2 classi di rischio. Ed anche 75 e 85% per lavori su parti condominiali.31-12-2024
Eco-sisma bonus Proroga anche per detrazioni 80-85% per interventi congiunti miglioramento sismico ed energetico.31-12-2024
Bonus barriere architettoniche75%Interventi per superamento barriere architettoniche che NON rientrano nel superbonus 110% (p.es. quando non congiunti ad intervento trainante)31/12/2022  
Bonus mobili50%Detrazione con tetto max spesa 16.000 euro31-12-2021
Bonus mobili50%Detrazione con tetto max di spesa 10.000 euro31-12-2022
Bonus mobili50%Detrazione con tetto max di spesa 5.000 euro31-12-2024
Bonus facciate90%Spese sostenute fino al 31/12/202131-12-2021
Bonus facciate60%Aliquota ridotta per spese sostenute nel 202231-12-2022
Bonus verde36%Proroga bonus 36% con limite di spesa 5.000 euro annui, quindi quota max detraibile 1.800 euro31-12-2024

Cessione del credito e sconto in fattura:

Ecobonus, bonus casa, sismabonus, bonus facciate,  installazione FV e colonnine ricarica elettrica31-12-2024
Superbonus31-12-2025

Quali proroghe per i bonus?

Infissi - Sportello Energia FVG

Al momento è in fase di discussione una proposta di legge che traccerà il futuro degli incentivi previsti per gli interventi di efficientamento energetico. Si tratta di un disegno di legge che potrà subire modifiche ed integrazioni, ma da quanto già trapelato possiamo tracciare la direzione generale e il possibile quadro futuro dei bonus.

La notizia che tutti aspettano è la proroga dei bonus, di cui abbiamo schematizzato il possibile panorama futuro:

Superbonus110%Fabbricati unifamiliari e u.i. indipendenti30-06-2022
Superbonus110Fabbricati unifamiliari e u.i. indipendenti
GIA’ PRESENTATO CILA AL 30/09/21
31-12-2022
Superbonus110Fabbricati unifamiliari e u.i. indipendenti
CON ISEE FINO A 25MILA EURO
31-12-2022
Superbonus110Condomìni e edifici con 2-4 u.i.  unico proprietario31-12-2023
Superbonus RIDOTTO AL 70%Condomìni e edifici con 2-4 u.i.  unico proprietario31-12-2024
Superbonus RIDOTTO AL 65%Condomìni e edifici con 2-4 u.i.  unico proprietario31-12-2025
Ecobonus 65%proroga ad esclusione delle aliquote maggiorate 70-75%
(maggiorazioni per lavori su parti condominiali)
31-12-2024
Bonus ristrutturazioni 50%Proroga aliquota 50%31-12-2024
SismabonusProroga anche per le aliquote maggiorate al 70 e 80%
per miglioramento sisma 1-2 classi di rischio. Ed anche 75 e 85% per lavori su parti condominiali.
31-12-2024
Eco-sismabonusProroga anche per detrazioni 80-85% per interventi congiunti miglioramento sismico ed energetico.31-12-2024
Bonus mobiliProroga detrazione 50% con tetto di spesa ridotto a 5mila euro31-12-2024
Bonus facciateDetrazione ridotta al 60% (ex 90%)31-12-2022
Bonus verdeProroga bonus 36%31-12-2024

Per quanto riguarda la cessione del credito e lo sconto in fattura, è stata proposta la proroga al 31-12-2024 per ecobonus, bonus casa, sismabonus, bonus facciate,  installazione FV e colonnine ricarica elettrica e al 31-12-2025 per il Superbonus.
Un’altra novità e il possibile mantenimento del fotovoltaico al 110% come intervento trainato fino al 30-06-2022.

Tutte le informazioni sono contenute nel disegno di legge di Bilancio 2022 e saranno confermate solo alla conclusione dell’iter legislativo.

Decreto antifrode

Il decreto antifrode, in vigore dal 12 novembre 2021, ha lo scopo di contrastare le frodi riscontrate dai controlli nell’ambito della cessione dei crediti e gli sconti in fattura. L’Agenzia delle Entrate riferisce infatti che sarebbero stati già accertati 800 milioni di crediti inesistenti.

Con l’obiettivo di evitare le frodi nelle detrazioni e cessioni di credito, il decreto interviene su precisi punti:

  • estensione dell’obbligo del visto di conformità;
  • congruità delle spese
  • controlli preventivi nei casi “a rischio”;
  • regolamentazione dei controlli dell’Agenzia delle Entrate

Analizziamo nel dettaglio i singoli punti:

1.  Visto di conformità

1.1.             per Superbonus

Si estende l’obbligo del visto di conformità anche nel caso in cui il Superbonus sia utilizzato direttamente in detrazione nella dichiarazione dei redditi, non più soltanto per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

L’obbligo del visto di conformità non sussiste:

  • se la dichiarazione è presentata direttamente dal contribuente, attraverso l’utilizzo della dichiarazione precompilata predisposta dall’Agenzia delle entrate;
  • oppure è presentata tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale (per queste dichiarazioni, infatti, l’Agenzia delle entrate può già effettuare controlli preventivi sulla dichiarazione presentata).

1.2.             per altri bonus edilizi

Si estende l’obbligo del visto di conformità anche a tutte le agevolazioni edilizie “tradizionali” (per le quali l’art. 121 del decreto Rilancio prevede la possibilità di cessione del credito o sconto in fattura); diviene quindi necessario anche per bonus ristrutturazioni, bonus facciate, ecobonus, sismabonus, installazione di impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica.

2.  Congruità delle spese

Ci sono modifiche importanti anche per la valutazione della congruità dei prezzi.

Nuovi massimali di spesa; oltre al riferimento ai prezziari, viene inserita (comma 13bis dell’art. 119 del decreto Rilancio) la previsione dell’introduzione di nuovi valori massimali per alcune categorie di beni. Questi nuovi massimali saranno definiti con Decreto del MITE (Ministro della transizione ecologica) entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del D.L. 157/2021.

Estesa l’asseverazione della congruità delle spese da parte dei tecnici abilitati a tutte le agevolazioni edilizie; questa estensione vale solo in caso di cessione del credito o sconto in fattura, non se si fruisce dell’agevolazione con la detrazione in dichiarazione.

3.  controlli preventivi nei casi “a rischio”

(art.2 D.L. 157/2021) E’ prevista da parte dell’Agenzia delle Entrate la sospensione dell’efficacia delle comunicazioni inviate su cessioni del credito o su sconti in fattura che presentano particolari profili di rischio.

La sospensione è fatta a scopo di controllo preventivo, si effettua entro 5 giorni lavorativi della comunicazione dell’avvenuta cessione del credito, per un periodo non superiore a 30 giorni.

I profili di rischio sono individuati secondo il tipo di crediti ceduti ed altri criteri riferiti alla coerenza e regolarità dei dati indicati nelle comunicazioni e nell’Anagrafe tributaria, ai dati relativi ai crediti, ai soggetti correlati a detti crediti, ad analoghe cessioni effettuate in precedenza dai soggetti.

Se all’esito del controllo risultano confermati i rischi, la comunicazione si considera non effettuata e l’esito del controllo è comunicato al soggetto che ha trasmesso la comunicazione. Se invece i rischi non sono confermati, decorso il periodo di sospensione, la comunicazione risulta effettuata.

4.  regolamentazione dei controlli dell’Agenzia delle Entrate.

Viene disciplinata, razionalizzata e potenziata l’attività di accertamento e di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate, relativamente alle detrazioni e cessioni dei crediti per lavori edilizi. Il decreto disciplina i controlli dell’Agenzia delle Entrate non solo nell’ambito del superbonus ed altre agevolazioni edilizie, ma anche in relazione alle altre agevolazioni introdotte a causa della pandemia (contributi a fondo perduto dell’art. 25 del Decreto Rilancio).

Termini della notifica di violazione. In particolare la disposizione stabilisce che la contestazione da parte dell’Ufficio avviene, salvo disposizioni specifiche, con avviso di recupero del credito d’imposta che deve essere notificato entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione.

Contributi per colonnine di ricarica

Sono disponibili 90 milioni di euro per contributi in conto capitale per le imprese e professionisti per l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.
Stiamo parlando delle colonnine di ricarica e di tutte le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi di monitoraggio (con massimali di riferimento), oltre ai costi per la connessione alla rete elettrica, la progettazione, la direzione lavori, la sicurezza e i collaudi nel limite del 10% del costo totale ammissibile.
Il bonus massimo è pari al 40% delle spese ammesse, per cominciare a presentare le domande si attende il decreto che ne stabilisca le modalità.

3000 consulenze

Lo Sportello Energia FVG è arrivato a 3000 consulenze!
Siamo felici di aver aiutato 3000 famiglie a scegliere tra bonus, detrazioni e incentivi quello più adatto all’efficientamento energetico della propria casa.

La consulenza è gratuita, prendi un appuntamento:
tel: 353 4104289
email: sportelloenergia@ape.fvg.it

Superbonus 110%: aggiornata la guida dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle entrate ha aggiornato la guida sul Superbonus 110% alla luce delle indicazioni introdotte dal nuovo decreto Semplificazioni (77/2021).

Tra le principali novità, l’introduzione di semplificazioni sulla documentazione da presentare per l’esecuzione degli interventi che costituiscono “manutenzione straordinaria” e sono realizzabili mediante Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila).

La nuova guida è disponibile qui (sito dell’Agenzia delle entrate).

Sportello a CasaModerna

Da sabato 2 a domenica 10 ottobre lo Sportello Energia FVG si sposta alla Fiera della CasaModerna, con il seguente orario di apertura al pubblico:

  • sabato e domenica 10.00 – 20.00
  • da lunedì a venerdì 14.30 – 20.00

Saremo a disposizione di tutti i visitatori interessati ad una consulenza sul tema degli incentivi per l’efficienza energetica. Previa registrazione, l’ingresso alla fiera è gratuito da lunedì a venerdì, ridotto a 3 euro sabato e domenica: consulta la pagina ufficiale.

Durante le giornate di apertura della fiera, lo Sportello non riceverà nelle consuete sedi di Gemona, Udine e Pordenone.

Riprendono gli appuntamenti

Da lunedì 24 maggio riprendono le consulenza in presenza dello Sportello Energia FVG:

martedìmercoledì e venerdì a Gemona del Friuli, in via Santa Lucia 19
con orario 8.30-13.00 e 14.00-17.30
Ogni lunedì a Pordenone, in via Bertossi 9 (uffici comunali)
dalle 10.00 alle 16.00
Ogni giovedì a Udine, in via Stringher 14/D
dalle 9.00 alle 17.00

Sarà possibile accedere al servizio solo previo appuntamento da fissare telefonicamente (353 41 04 289) o via email (sportelloenergia@ape.fvg.it), con l’obbligo di utilizzare la mascherina e di fornire i propri dati per la tracciabilità.